Valle delle Ferriere, una fiaba piena di antiche tradizioni

cascata_ferriereNel cuore della Costiera Amalfitana c’è un mondo sconosciuto e meraviglioso da scoprire, pronto ad incantarvi con lo spettacolo di una natura prodigiosa. Un caleidoscopio di scenari emozionanti ed inimmaginabili, dove il gioco di allegre sorgenti crea, come per magia suggestivi stillicidi e spumeggianti cascate vi guiderà attraverso la Valle delle Ferriere.

Questo suggestivo percorso tra le bellezze ambientali e culturali di uno dei più incantevoli siti del patrimonio mondiale dell’umanità, vi condurrà alla scoperta di specie rarissime di piante ed animali e di tradizioni artigianali secolari che costituiscono il prezioso patrimonio culturale immateriale del sito Unesco Costa d’Amalfi.

Partendo da Atrani (caratteristico borgo saraceno situato a c.ca 1 km da Amalfi) il percorso attraversa l’antico borgo ed il vallone del torrente Dragone per giungere fino alla località di Pontone (di notevole interesse sono la Torre dello Ziro e i resti dell’antica cattedrale di S. Eustacchio). Da Pontone si potrà procedere poi in direzione della “Riserva naturale della Valle delle Ferriere” di grande interesse naturalistico. Durante la discesa verso Amalfi, lungo il torrente “Canneto”cattedrale_ferriere si potranno notare i resti dell’antica ferriera e dei mulini per la lavorazione della carta a mano di Amalfi che utilizzavano appunto l’abbondanza d’acqua proveniente dal cuore della Valle.

E per concludere il percorso con gli straordinari sapori e aromi della tradizione tipica della Dieta Mediterranea, vi consigliamo di rilassarvi tra intensi profumi e morbidi colori, in un antico Casale del 1600, da cui si gode l’incantevole panorama del Golfo di Napoli e di tutta la Penisola Sorrentina: Agritursimo Antico Casale.

Link utili: Valle delle Ferrirere, Agriturismo Antico Casale

Tag: , , , , , ,

Commenti

  1. Giuseppe scrive:

    e grazie al lavoro che stiamo seguendo per il piano di gestione della costa d’amafli abbiamo scoperto tradizioni e stili di vita affascinnati!… pensate che da sempre l’uomo ha adattato la’mbiente costiere al suo stile di vita adoperando tecniche provenienti dal lontano oriente come i terrazzamenti e inoltre i detriti vulcanici dell’eruzione del vesuvio del 79 d.C. hanno modificato anche la morfologia del territorio.

  2. Giovanni scrive:

    Posso assicurare che si tratta di un percorso veramente affascinante, consiglio a tutti di farlo, è un’esperienza unica, anche se faticosa.E’ un vero e proprio tuffo nel passato e nella natura. Consiglio di munirsi di scarpe comode e di tanta voglia di camminare.

  3. Giovanni scrive:

    Avendo fatto un paio di escursioni su questo meraviglioso sentiero volevo aggiungere qualche informazione per tutti coloro i quali fossero interessati a passare una giornata davvero speciale tra paesaggi incontaminati e panorami mozzafiato.
    Per prima cosa il sentiero è suddiviso in più parti e ci sono molteplici possibilità di strutturare il percorso.
    Nella parte inferiore, detta appunto “SENTIERO BASSO”, è possibile visitare i ruderi delle ferriere e delle cartiere di Amalfi, si parte da Pontone, una piccola e molto caratteristica frazione di Scala, e si arriva fino ad Amalfi scendendo lungo le rive del fiume Canneto che forma lungo il percorso una serie di cascate la cui energia veniva sfruttata per muovere i mulini.
    Questa parte del sentiero è poco impegnativa, tutta in discesa ed abbastanza breve, non sono presenti particolari pericoli, quindi è consigliabile anche a famiglie con bambini al seguito.
    La seconda parte del sentiero è detta “SENTIERO ALTO”, è più lungo e più impegnativo rispetto al sentiero basso, ma il panorama è davvero spettacolare e anche in questo caso ci sono delle cascate con salti anche maggiori di quello basso. Questo sentiero è segnalato in alcuni tratti con la simbologia ufficiale CAI, in altre parti è più impervio con precipizi non protetti, quindi lo consiglio a persone adulte.
    Al sentiero alto si può accedere partendo da Atrani, ma si deve salire un bel pò, oppure da Pogerla, una piccola frazione di Amalfi, ben collegata anche con mezzi pubblici. Partendo da Pogerola si può arrivare o a Pontone, da dove poi si può scendere ad Amalfi attraverso il sentiero basso o con i mezzi pubblici; oppure si può scegliere di salire verso Scala e visitare Torre dello Ziro e cattedrale di S. Eustacchio.
    Questi sentieri sono consigliatissimi anche per tutti coloro i quali sono interesati allo studio dell’evoluzione della vita umana in ambienti poco ospitali, mostrando come sia possibile coniugare la attività umane al rispetto della natura, e di come sia possibile realizzare abitazioni sfruttando i materiali locali riducendo così l’impatto sull’ambiente.
    Per quanto riguarda i tempi di percorrenza ovviamente questi sono molto variabili a seconda di come si intende organizzare il percorso.
    Da sottolineare la possibilità di fermarsi in questi piccoli centri: Pogerola, Pontone, Scala, e di gustare un pasto legato ai profumi e ai sapori di questa terra, uscendo dai soliti schemi del turismo di massa, per un esperienza che arrichisce il corpo, l’animo e lo stomaco.

  4. Jenny scrive:

    volevo prenotare l’escursione e ho provate a telefonare al numero indicato nel sito http://www.valledelleferriere.com/home.htm ma mi risulta inesistente…
    c’è percaso un altro numero di telefono?
    ciao

  5. admin scrive:

    prova a contattare l’agriturismo Antico Casale. Anche loro propongono una serie di percorsi naturalisitci in Costiera Amalfitana…

  6. Rosa Dalmiglio scrive:

    la vostra offerta culturale merita di essere portata al primo “FORUM ON THE DEVELOPMENT OF AND COOPERATION BETWEEN EST AND WEST CULTURES”che si terrà a Pechino dal 2-8 Settembre 2009- ASIA-EUROPA
    La proposta del Premier Cinese Wen Jiabao durante il Summit ASEM dello scorso Ottobre di organizzare il primo festival culturale fra i due continenti Asia ed Europa, per sviluppare tramite gli scambi culturali il rispetto della diversità, la creatività al servizio della pace fra i popoli.la proposta approvata da tutti i Premier presenti è un invito a chi come voi rispettando il passato costruisce il futuro. complimenti