Fonderie Culturali al CRPC

10/11/2008

Fonderie Culturali partecipa al Corso per Responsabile di Progetti Culturali

Fonderie Culturali al CRPC Per la prima volta si svolge a Lecce, da novembre 2008 ad ottobre 2009 il Corso di perfezionamento per Responsabile di Progetti Culturali. Si tratta di un´edizione parallela a quella torinese promossa da Fondazione Rico Semeraro e Fondazione Fitzcarraldo.

In una linea di continuità con le sue attività l´associazione Fonderie Culturali, nella persona del suo Cultural Manager, partecipa al CRPC di Lecce per approfondire e definire un format di Festival Diffuso della Dieta Mediterranea finalizzato alla riscoperta e valorizzazione del patrimonio immateriale della provincia di Salerno. Il CRPC è da tredici anni uno dei principali laboratori a livello internazionale di formazione e pratica per lo sviluppo di progetti nell´ambito dei beni e delle attività culturali, delle arti visive, dei nuovi media e delle industrie culturali e della comunicazione, della mediazione interculturale, della valorizzazione territoriale integrata. Il corso fornirà occasioni di formazione e confronto con le esperienze più interessanti di progettazione e gestione di imprese, attività ed eventi culturali.
L’Associazione Fonderie Culturali si prepara, quindi, ad avviare partenariati con enti professionisti del settore del management culturale e sinergie operative tra gli attori locali. Azioni volte a definire le opportune strategie per la promozione del patrimonio materiale ed immateriale legato al tema della Dieta Mediterranea, che trova nella provincia di Salerno la sua patria ideale.

In vista della ricandidatura della Dieta Mediterranea come patrimonio Unesco e del bagaglio di competenze e conoscenze fornite dal CRPC, per il 2009 l´associazione Fonderie Culturali realizzerà un innovativo evento culturale sul territorio salernitano, con l´obiettivo di attuare un Work in Progress (incontri, confronti, progettazioni e sinergie) del Festival Diffuso della Dieta Mediterranea. Finalità di queste attività è la valorizzazione del patrimonio culturale identitario della provincia di Salerno e la sua conversione in risorsa per lo sviluppo sociale. Partnership tra istituzioni, imprese e enti no profit sono già in corso di attuazione.